Uscita rigenerante sul solito percorso. Peccato non essermi portato il cellulare, il panorama da via del Carretto stamattina era spettacolare!

Tra defezioni dell’ultima ora e assenti ingiustificati, ho corso le ripetute in programma per stamattina col solo Massimo: dopo i canonici due km di riscaldamento, un 3000, due 2000 e due 500 (l’ultimo alla supersonica media di 3’56″ al km!)

Clima ideale (cielo coperto e 12 °C) per una corsa in Franciacorta in compagnia di Cristian e Giorgio, improvvisando un tratto del percorso di andata verso Monterotondo e completando i 18 km da tabella con un altro paio di km per arrivare alla “cifra tonda”.

Quanti animali stamattina! Uscita ritardata per vedermi un documentario sui serpenti su Focus TV con Daniele; sull’argine del Mella ho incrociato alcuni merli e diversi conigli selvatici; costeggiando il colle di S. Anna qualche capra e un asino; poi, allungando nel parco della Badia alcuni cani e un paio di gatti.
Ma l’animale più pericoloso l’ho incontrato attraversando le strisce pedonali in via Vallecamonica: era alla guida di un SUV che per dispetto ha pure accelerato…

Uscita rigenerante (stavolta sul serio…) con Giovanni, lungo il solito percorso da 10 km.

Uscita come da tabella, inserendo la progressione tra il cavalcavia dell’abbazia di Rodengo Saiano (km 4) e il semaforo di Castegnato (km 10), per continuare poi riaccompagnando Fabio e Massimo verso casa.

Bicchiere mezzo pieno (anzi, pieno pure a tre quarti) per questa prima uscita dopo la gara di domenica. Le ripetute sui 1000 dovevano essere sei, ma l’ascesso – anche se in via di guarigione – e il secondo giro di antibiotico si fanno sentire, specialmente negli sforzi prolungati. Dopo il 2000 (alla media di 4’38″ al km) e i tre 1000 (4’29″, 4’24″, 4’28″), tre minuti al passo e un defaticamento di quasi tre km.

Il primo caldo – complice forse anche la partenza alle 10:30 – si è fatto moderatamente sentire in questa gara breve all’insegna della solidarietà.

Raggiunta la partenza con Cristian e Giorgio, abbiamo presto incontrato il resto della nutrita truppa Libertas per qualche foto e quattro chiacchiere in attesa della partenza.

Vivicittà 2014 - Libertas

Un po’ di slalom non previsto e già al primo km ero in debito d’ossigeno, anche perché l’andatura (4’37″) era obiettivamente troppo sostenuta. Assestatomi dopo un altro paio km a tutta (4’29″ e 4’37″ i passaggi) ad un ritmo “scomodo” ma più gestibile, ho proseguito affiancando e superando Carlo e tenendo d’occhio per qualche km, senza riuscire a raggiungerli, Angelo e Giorgio. Verso il km 9 ho visto Giorgio proseguire, forse aumentando l’andatura, ed ho raggiunto Angelo poco prima del km 10. Negli ultimi due km ho faticato non poco a mantenere Giorgio nel campo visivo, senza la possibilità però di raggiungerlo.

Ho chiuso i 12 km della gara in 58’06″, un paio di minuti in più del tempo sperato, ma comunque con la sensazione di essermi davvero “spremuto”, che era quello che cercavo da questa gara.

Nel dopogara abbiamo ricompattato il gruppone Libertas prima di salutarci definitivamente, dandoci appuntamento alla riunione “mangereccia” del prossimo giovedì.

Ultima uscita prima della gara di domattina, cercando di non esagerare anche se la voglia di correre è tanta. Allo scollinamento del Carretto, pausa “contemplativa” in cerca delle salite disponibili per gli allenamenti delle prossime settimane.

3 aprile – CL 7 km

03/04/2014

Uscita abbreviata, in vista della gara di domenica, con Angelo, Fabio, Giovanni e Massimo.